Associazioneborgognoni.it

Un omaggio floreale

 

    Non mi succede tanto spesso di poter ascoltare qualche altra banda, specie se devo andare un po' lontano, ma alcuni anni fa, trovandomi in una città (di cui taccio il nome) e saputo che quel pomeriggio in una chiesa si sarebbe svolto il concerto della maggiore banda locale, decisi di assistere all'evento, anche perché mi era giunta notizia che avevano un nuovo direttore (di cui avevo sentito parlare) che, tra parentesi, amava ricevere alla fine delle esibizioni un mazzo di fiori.

   Tra i miei innumerevoli difetti c'è anche quello che, per paura di far tardi, arrivo sempre con troppo anticipo e così accadde quel giorno: quando entrai in chiesa c'era solo un ometto claudicante che si dava da fare a disporre leggii e sedie per i suonatori e il podio per il maestro.

Qualche minuto dopo cominciarono ad arrivare alla spicciolata i musicisti (che, ovviamente, non si degnarono di dare una mano all'incaricato...) e, buon ultimo, giunse e si diresse in sacrestia il direttore con il necessario per cambiarsi d'abito in una valigia.

   Dopo un po' vidi un tale che aveva l'aria di essere il presidente o qualcosa del genere andò dall'ometto claudicante e gli disse qualcosa di cui percepii solo la parola "fiori": vidi l'ometto un po' in imbarazzo; allargò le braccia, poi sparì dietro l'altare; di lì a poco, con un foglio di carta rosa in mano, si diresse verso una cappelletta dove, davanti a una statua della Madonna c'era un vaso con un mazzo di fiori abbastanza freschi; tolse i fiori dal vaso, li scosse per sgocciolarli e li incartò nel foglio che aveva con sé. 

   Non assistei alla fine del concerto ma sono convinto che anche quel giorno il direttore ricevette dalle mani del presidente (o chi altro fosse) il consueto omaggio floreale... 

 

_______________________________________________________________________

Indietro.

Home page.


Menu Principale

Login